Acerra: storia e cultura di cui nessuno parla

Acerra: storia e cultura di cui nessuno parla

Camminando per il centro storico di Acerra non si può non rimanere colpiti dalla bellezza dei numerosi scorci e angoli fatti di antiche costruzioni e tradizioni.

Di origine etrusca, Acerra è tra le città più antiche della Campania, abitata fin dalla preistoria per la generosità del suo territorio.

L’elemento di spicco della città è senza ombra di dubbio l’antico Castello Baronale.

Acerra: il Castello Baronale

Il Castello Baronale sorge sui resti di un teatro romano in quello che oggi è il centro storico della nostra città.

Acerra e il suo Castello vantano nella storia un’importanza prestigiosa, a tal punto da interessare anche Federico II quando nel nuovo sistema difensivo del Regno ben si guardò dal distruggere la contea di Acerra, nonostante l’emanazione di una sua legge che prevedeva la soppressione di contee. Federico lasciò in vita solo quattro di queste ultime: Manoppello, Chieti, Caserta ed Acerra proprio perché il nostro paese rappresentava un importante punto di difesa della città di Napoli.

Acerra: Museo di Pulcinella, del folklore e della civiltà contadina

In un’ala del Castello al piano terra ed al primo piano con ingresso da quest’ultimo è possibile visitare il Museo di Pulcinella, del folklore e della civiltà contadina.

Il Museo di Pulcinella è dedicato alla celebre maschera nera dai tratti distintivi che sembra essere nata proprio ad Acerra e diffusa dalle antichissime commedie atellane rappresentate intorno al IV secolo a. C. nella zona dell’attuale Campania.

Pulcinella incarna la plebe napoletana, l’uomo più semplice, quello che nella scala sociale occupa l’ultimo posto, l’uomo che pur conscio dei propri problemi riesce sempre a venirne fuori con un sorriso.

Il Museo del folklore e della civiltà contadina è stato fondato ed allestito nel 1992. Si tratta di un Museo particolare: tra consunti aratri e antiche suppellettili, nelle sale trova spazio anche la ricostruzione degli ambienti domestici in cui gran parte della vita si svolgeva.

Duomo di Acerra: sapevi che…

La città di Acerra conserva un importante identità storico-religiosa e prima di fare della religione cristiana il suo essenziale culto era una città fortemente idolatra.

Nel momento in cui in tutto l’impero romano iniziò l’opera di conversione al cristianesimo, ed Acerra era uno dei tanti domini di questo impero, il passaggio dalla religione pagana a quella cristiana fu imminente. Quella che oggi è il simbolo della religiosità acerrana, la Cattedrale, sorge proprio su un antico tempio pagano dedicato ad Ercole.

 

Related Posts

Confrontare